Piano triennale di Internazionalizzazione Sardegna 2015

La Regione Sardegna ha presentato un piano per l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese della regione Sardegna.

I piani di intervento si rivolgono a diversi attori, in forma aggregata o singola:
• Azioni di supporto alle micro, piccole e medie imprese in forma aggregata
• Azioni di supporto alle micro, piccole e medie imprese in forma singola
• Percorsi di alta formazione finalizzati al miglioramento delle conoscenze manageriali
• Finanziamento di progetti di promozione e internazionalizzazione a favore di parternariati misti
Azioni di sistema per l’internazionalizzazione delle imprese
Forum regionale per l’internazionalizzazione

Suddivisione dei finanziamenti per l’export.

I fondi per l’internazionalizzazione Sardegna 2015 sono così strutturati in base alla tipologia di impresa e ai servizi:

  • 12 Milioni – Finanziamenti per l’export delle Piccole e Medie imprese
  • 3 Milioni – Erogazione di servizi per assistenza all’export alle imprese
  • 1 Milione – Attività istituzionali per la promozione e l’internazionalizzazione delle imprese sarde
Le aree geografiche di riferimento sono abbastanza estese:
Area Euro, Europa Orientale, America Latina, Penisola Araba, Asia Orientale, Nord America, Area Mediterraneo, Africa Sub Sahariana.
piano-internazionalizzazione-sardegna-2015
L’ export sardo nel 2014 ha avuto dei cali importanti, per quanto riguarda i settori storicamente trainanti collegati alla raffinazione del petrolio(-32%) (leggi Saras) e dei prodotti minerari (-20%), mentre ha avuto degli incrementi nei settori agroalimentare (+2), agricoltura(+25%), mezzi di trasporto(+178%), computer e componenti elettronici(+30%).
(Fonte dati: Servizio della Statistica Regionale, ISTAT, Coeweb).

Web Marketing per l’internazionalizzazione in Sardegna.

Per definizione (direi lapalissiana), le aziende sarde che vogliono internazionalizzarsi devono muoversi in territori spesso lontani rispetto al mercato locale.
Il modo migliore per colmare questa distanza si ha con il web marketing per l’internazionalizzazione.

In primo luogo ci sono gli strumenti di Google per analizzare i mercati esteri, ad es. Google Trends, o Google Consumer Barometer o Global Market Finder.

In secondo luogo occorre avere un sito web in lingua straniera (inglese e/o altre lingue ) ottimizzato per gli obiettivi prefissi.
Ad esempio se il mio target è un B2C, posso attivare l’ecommerce.
Se cerco rappresentanti o distributori esteri, posso craere una landing page e creare una campagna di lead generation (acquisizione di contatti attraverso il form).
Una volta realizzato il sito e le landing page, devo pensare ad inviare traffico pertinente (cioè utenti in linea con il mio obiettivo) al sito stesso.
Con Google Adwords, attraverso le parole chiave, è possibile mostrare l’annuncio pubblicitario agli utenti pertinenti, nel momento in cui stanno cercando il nostro prodotto e farli atterrare sul nostro sito.
Anche con Facebook Ads, è possibile trovare dei partner all’estero, mostrando il mio annuncio agli utenti in linea con le caratteristiche demografiche che ho scelto in fase di setup della campagna
Se vuoi saperne di più sul web marketing per l’internazionalizzazione Sardegna 2015, contattaci
Pubblicato in Web Marketing Estero
0 comments on “Piano triennale di Internazionalizzazione Sardegna 2015
1 Pings/Trackbacks per "Piano triennale di Internazionalizzazione Sardegna 2015"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

6 + 1 =